Il terzo giorno di Mladifest, il 3 agosto, la chiesa celebra il vescovo di Zagabria, difensore dei poveri, famoso teologo e pastore, il beato Agostino Kažotić, il primo beato croato.

SPETTACOLO INTRODUTTIVO MLADIFEST 2020.

Il programma pomeridiano di Mladifest è iniziato oggi con il programma introduttivo Mladifest 2020, trasmesso in diretta in uno studio improvvisato di fronte all'altare all'aperto. La conduttrice Sanja Pehar ha ospitato come primo ospite una parrocchiana di Medjugorje, membro del gioventu francescana e la volontaria ZDRAVKA ŠKEGRO. Lei ha parlato della sua esperienza di partecipazione e volontariato presso Mladifest. Ha detto: “Per me quell'esperienza è davvero speciale. Sono nata e cresciuta a Medjugorje e ho avuto l'opportunità di sperimentare Mladifest in diversi modi. Prima con i miei genitori, poi con gli amici, e poi è arrivata la Gioventù francescana quando ho iniziato a fare volontariato, e qui è il mio nono anno di volontariato. I nostri impegni sono numerosi, anche se piccoli li facciamo con tanto amore. Il nostro obbligo centrale è quello di fare la fila per la comunione, aiutiamo i sacerdoti e le suore vicino alla sagrestia, portiamo le sedie ai sacerdoti per la confessione, portiamo loro l'acqua, vendiamo anche magliette (quest'anno non le abbiamo fate perché non sapevamo se ci sarebbe stato il Mladifest fino all'ultimo minuto), poi qualcuno tra noi è un animatore di danza. Neanche loro non ci sono quest'anno, ma speriamo che lo siano il prossimo anno. Per me il volontariato significa molto, posso dire che l'esperienza di Mladifest è l'esperienza di vita più bella per me. Incontrare così tanti giovani da tutto il mondo che arrivano con problemi diversi, ma con lo stesso obiettivo: trovare la loro pace, pregare, cantare, ballare ... E quando vedi che con il tuo piccolo aiuto a qualcuno puoi agiustare un momento, un giorno, un festival, sei veramente benedetto! Quest'anno anche noi eravamo nell'attesa, perché non sapevamo se ci sarebbe stato il Mladifest, ma ora che vedo quanti giovani sono arrivati, posso dire che le nostre aspettative sono state soddisfatte anche più di quanto ci aspettassimo. Siamo particolarmente lieti che Papa Francesco ci abbia contattato direttamente, ci abbia salutato e ci abbia promesso di pregare per noi!”- ha dichiarato Zdravka Škegro a nome di 120 volontari che sono composti dai membri di Gioventù francescana di Medjugorje e di Herzegovina e che sono al servizio della parrocchia e dei giovani quest'anno.

Questo è stato seguito da un videomessaggio del famoso sacerdote francescano, predicatore e sacerdote che ha visitato e guidato molte volte i ritiri spirituali di Medjugorje, fra ANTE VUČKOVIĆ. Lui disse ai giovani: “Cari giovani che siete arrivati a 31° Festival della Gioventù a Medjugorje, siete venuti al posto della misericordia di Dio e della tenerezza di Dio, siete venuti al festival in cui la vicinanza della Madonna apre i cuori a Dio e alle persone e le riempie di gioia. Medjugorje ha aiutato molti a uscire dall'oscurità della depressione e delle sciocchezze. Siete arrivati in un posto dove è possibile uscire dalla prigione della mente e scoprire la semplice verità della vita. Medjugorje ha aiutato molti a vedere la propria vita con occhi diversi. Siete arrivati in un posto dove è possibile scoprire la vera libertà. A Medjugorje, molti hanno spezzato le catene della dipendenza. Vi auguro un'abbondanza della benedizione di Dio e che portiate l'esperienza di quella bontà e gioia nel mondo in cui vivete, tra persone che non sanno né come né dove cominciare con Dio, ma che ancora non possono resistere al potere della gioia, della bontà e della verità. Possa Dio Onnipotente benedirvi con pace e gioia e rendervi i mezzi del suo amore"- ha detto fra Ante ai giovani.

Il terzo ospite del programma introduttivo è stata una giovane pellegrina di Kočerin, IVA LJUBIĆ, arrivata oggi a Medjugorje con un gruppo di giovani della sua parrocchia e il loro sacerdote, fra Marijo Knezović. Ha testimoniato della sua esperienza di Mladifest: “Mladifest è stata una tradizione per la nostra Gioventù francescana per anni, ogni anno scegliamo almeno un giorno quando andiamo a Medjugorje insieme, celebriamo Dio insieme e torniamo a casa la sera. Penso che Mladifest sia un grande esempio di unione e gioia e spirito giovanile e un'opportunità speciale per i giovani di partecipare a qualcosa di così particolare a cui partecipano così tante persone provenienti da diverse parti del mondo. Per i giovani che ci seguono via Internet o per quelli che sono venuti fisicamente come noi, penso che soprattutto in questa difficile situazione che sta accadendo nel mondo adesso, è importante dimostrare che lo spirito è più importante di qualsiasi cosa materiale. In particolare la Gioventù francescana ha plasmato la mia vita di credente, e Medjugorje è sempre molto importante per noi nel nostro cammino, e ci torniamo volentieri ogni anno".

Sanja Pehar ha anche rivelato che le magliette ufficiali di Mladifest sono comunque stampate, perché in questi anni sono diventate un marchio di questo festival con il loro design, i colori e le immagini giocose e spesso diventano il principale souvenir di Medjugorje. Le magliette del Mladifest di quest'anno possono essere acquistate nel negozio di souvenir dell'ufficio parrocchiale o sul negozio web: www.medjugorje.store.

TESTIMONIANZA E CATECHESI

Dopo il programma introduttivo, alle 17:00 sull'altare esterno della Chiesa di Medjugorje, fra Marinko Šakota, coordinatore di questo ritiro spirituale per i giovani, ha salutato tutti i presenti e ha annunciato la video testimonianza di oggi. Questi sono i film della serie prodotta da Media Mir Medjugorje chiamata "FRUTTI DI MEDJUGORJE". Nel video di oggi, i giovani hanno potuto vedere e ascoltare la testimonianza di un monaco tedesco, il passionista P. Johannes Rothärmel, di Monaco, che ha sentito la sua vocazione a Medjugorje. Potete leggere e visualizzare la sua intera testimonianza QUI.

La testimonianza è stata seguita da una catechesi tenuta oggi da mons. Henryk Hoser in francese con una traduzione di Lidija Paris. Nell'annuncio, P. Marinko lo ha definito padre, pastore e amico, e mons. Hoser nel suo modo semplice e vivace, ha avvicinato ai giovani i principali pensieri che sono stati indirizzati ai giovani durante la celebrazione degli Incontri mondiali della gioventù (GMG) in tutto il mondo da tre papi: san Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI e Papa Francesco. Tra tanti bei pensieri, mons. Hoser ha anche detto questo: “Vi invito a crescere nell'umanità e a dare priorità ai valori dello Spirito. Perché solo con l'amore di Dio si può andare avanti. Adorai ciò che è buono, vero e bello. Oggi le persone vivono più come gli ZOMBIE - morti fisicamente, spiritualmente, mentalmente, emotivamente e socialmente. Questo è purtroppo il mondo oggi. E noi siamo chiamati non a vegetare, ma a vivere! ”

IL ROSARIO E LA SANTA MESSA

Il rosario alle 18:00 è stato guidato da fra Karlo Lovrić. E la Santa Messa alle 19.00 è iniziata con la canzone introduttiva "Vieni, o vieni ..." in cui il coro di Mladifest con il suo canto gioioso e polifonico ha invocato la gloria di Dio per riempire questo tempio di Dio.

La messa è stata presieduta da mons. Tomo Vukšić, arcivescovo di Sarajevo Coadiutore e amministratore apostolico dell'Ordinariato militare in Bosnia-Erzegovina nella concelebrazione di 50 sacerdoti, tra cui mons. Henryk Hoser e il Provinciale, fra Miljenko Šteko, e con la presenza di mons. Luigi Pezzuto.

Proprio all'inizio, mons. Vukšić ha invitato i fedeli a prendere le distanze da tutto ciò che è sbagliato, dal peccato e da tutto ciò che ci allontana da Dio, e nel suo sermone si riferiva ai brani del Vangelo che leggiamo in questi giorni. Ha analizzato il comportamento di Gesù in essi e dal Vangelo di oggi ha disegnato un messaggio ai giovani sulla necessità di una forte fede. Vale a dire, ha detto che Gesù compiva sempre i suoi miracoli al servizio del bene e alla proclamazione del Vangelo. La situazione in cui l'apostolo Pietro iniziò il suo cammino sull'acqua e poi affondò rapidamente dimostra che la sua fede si basava più sul miracolo di Gesù di mettere a tacere il vento e le onde che sulla parola di Dio. Ecco perché è importante che voi giovani, cioè tutti noi credenti, preghiate che Dio ci protegga da una poca fede e di dubbi. Che Gesù non deve dirci quanto siamo increduli o che noi, come farisei, cerchiamo un segno per credere. E un'altra cosa che mons. Vukšić ha sottolineato che questo brano evangelico ci dice che la nostra vita è come una barca - mentre viaggiamo dall'altra parte della vita, noi tutti abbiamo familiarità con ondate di difficoltà, ostacoli, nebbie di dubbio, venti opposti che ci rallentano ma dobbiamo sapere che Gesù ci ama così come siamo, e che è venuto da noi proprio perché sa che siamo fatti così. E anche a noi Gesù dice stasera: "Sono io, non aver paura! Sii coraggioso!”- ha sottolineato mons. Vukšić alla fine del suo breve e semplice sermone, che potete leggere per intero QUI!

MEDITAZIONE CON CANDELE E ADORAZIONE DELLA CROCE

La benedizione degli oggetti religiosi è stata seguita dalla meditazione con le candele e dall'adorazione della croce, guidata da fra Marinko Šakota. La canzone meditativa “Gesù, Gesù…” la notte che lentamente scendeva, la croce illuminata, i fedeli nei banchi e molti altri che arrivavano, e poi l'accensione delle candele della candela di Pasqua e le loro piccole, incerte luci che hanno illuminato i volti dei presenti e la luce di Gesù nel loro ... erano un riflesso esteriore dell'amore crocifisso di Gesù sulla croce. Di quell'amore con cui Dio ci ama in eterno, che ha vinto anche la croce e che la Madonna vuole insegnarci qui... Questa è stata un'altra sera in cui fra Marinko ha voluto insegnare a tutti i presenti a scoprire il loro tesoro sulla croce.

Puoi pagare la donazione sul conto PayPal del portale di medjugorje-info.com

Zanima te i ovo?
Buket ruža za Najbolju Majku
23. Gennaio 2021.
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.