Nel giorno di 4 agosto, la Chiesa celebra san Giovanni Maria Vianney, patrono dei parroci.

È un grande esempio di come Dio usa i nostri limiti per la sua gloria, se ci arrendiamo a Lui con tutto il cuore. Sebbene di modesta capacità intellettuale, san Giovanni era forte nella devozione a Dio, nella preghiera, nel sacrificio, nell'adorazione e così convertì le persone. Ha avuto grandi prove di attacchi satanici e si dice che una volta satana gli ha detto: se ci fossero tre persone come te, io scomparirei. Questo è un grande messaggio anche per il Mladifest di quest'anno, quando alcuni si potrebbero lamentarsi per il poco numero di partecipanti, ma il santo di oggi vuole dirci che Gesù non è interessato ai numeri, ma alla qualità e alla profondità della nostra relazione con lui. Gesù non è mai stato seguito da molte persone, Lui parla sempre di un "piccolo gregge". Quindi questa situazione con Mladifest riflette anche lo stato della Chiesa sia ora che ancora di più in futuro – Gesù ha bisogno di coloro che sono fermi e forti nella fede, anche se ce ne sono solo alcuni. Sono il seme.

Le nuvole con il sole si sono alternate su Medjugorje per tutto il giorno. C'erano piogge pesanti nei luoghi circostanti, quindi l'aria era calda e piena di umidità. Tuttavia, miracolosamente non ha piovuto a Medjugorje, quindi l'intero programma pomeridiano si svolgeva normalmente fino alla metà del sermone durante la Santa Messa, presieduta e predicata in polacco dall'arcivescovo Henryk Hoser, visitatore apostolico con un ruolo speciale per la parrocchia di Medjugorje, con la quale ha concelebrato una sessantina di sacerdoti. Poi una forte tempesta è scoppiata con vento e pioggia che ha cacciato via i credenti riuniti, 'smantellato' l'altare, interrotto le connessioni Internet e, con una pausa, la celebrazione della Messa è continuata all'interno della chiesa di Medjugorje. E mons., Hoser nel suo sermone ha invitato i giovani a occuparsi più di ciò che portano nei loro cuori che all'esterno, ha detto così: “La cosa più importante è la nostra preghiera personale: dal cuore al cuore. Se quel cuore non è puro, devi rimuovere da esso la spazzatura di cui parla Gesù. Tanto, anche eccessivamente, ci preoccupiamo della pulizia del corpo: bagni, docce, saponi e shampoo, creme e lozioni. Ma non purifichiamo il cuore.” Ha spiegato che gli unici “purificatori del cuore”e il vero cibo per l'anima e il rafforzamento del cuore sono i sacramenti della confessione e dell'Eucaristia e che dobbiamo usarli spesso. Quindi non dobbiamo avere paura e dobbiamo essere forti! - ha detto mons. Hoser augurando a tutti giovanni: "Voglio che scopriate questi tesori durante il vostro soggiorno a Medjugorje e vi saluto calorosamente: sursum corda!"

Il film della comunità Cenacolo, che avrebbe dovuto essere proiettato dopo la messa, non poteva essere proiettato, quindi fra Marinko disse che avrebbe provato a mostrarlo il giorno successivo.

Ma ecco come è andato tutto in ordine:

Nel programma introduttivo MLADIFEST 2020, la conduttrice Sanja Pehar ha ospitato il primo ospite che era cappellano di Medjugorje, fra Zvonimir Pavičić, assistente spirituale della Gioventù Francescana e del Terzo Ordine. Fra Zvonimir ha parlato di come il cammino "attraverso Maria a Gesù" sia l'essenza di Medjugorje e Mladifest, quindi il centro di tutto è l'Eucaristia. "Nessuno viene a Medjugorje senza l'invito di Maria, e allora cosa fa Maria?" Maria conduce lentamente al suo Figlio, i sacramenti della Chiesa, dove Gesù può essere incontrato nel migliore dei modi. A Medjugorje, molti altri sono stati toccati dai sacramenti della confessione, della messa, dell'adorazione. L'Eucaristia è un incontro gioioso con il Dio vivente. E sappiamo che Mladifest è un luogo di incontro, persone di tutto il mondo si incontrano, e poi da tutti questi incontri nasce un grande e reale incontro con Gesù nell'Eucaristia - ecco perché l'Eucaristia lascia un segno così sorprendente nel cuore dei giovani"- ha spiegato fra Zvonimir. Lui stesso è cresciuto a Medjugorje e ha cantato nel coro del Festival dei giovani e anche a lui quei giorni di preghiera e di inginocchiamento davanti al Santissimo Sacramento sono rimasti nella memoria più profonda.

Il secondo contenuto era un messaggio registrato del famoso sacerdote e scrittore francese p. Jacques Philippe che si è rivolto ai giovani con le parole ispiratrici del Vangelo. Tra le altre cose, disse: “Gesù ci dice, acquista per te un tesoro in cielo dove né la falena né la ruggine lo rosicchiano e dove un ladro non può rubarlo, perché dov'è il tuo tesoro, là sarà il tuo cuore! È una bellissima frase che ci pone anche la domanda: dov'è il nostro cuore, dov'è il nostro tesoro? Cosa attira il nostro cuore, cosa è importante e prezioso per noi? In questi giorni di Mladifest possiamo pregare la Vergine Maria di intercedere per noi per la grazia di rivelare in ognuno di noi in un modo più profondo e vivido che Gesù è il nostro tesoro, un tesoro che non possiamo perdere. In Gesù troviamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno, è la nostra speranza, la nostra pace, la nostra consolazione, in lui troviamo forza e coraggio. Se veniamo da lui e lo ascoltiamo con tutto il cuore, diventiamo discepoli di Gesù nella scuola di Maria. Preghiamo pertanto che in questo mondo fragile, instabile e transitorio, scopriamo sempre di più in Gesù il vero tesoro della nostra vita, il vero tesoro che può riempire i nostri cuori oltre misura. Amen!"

Il tono speciale di Mladifest è dettato dal ritmo riconoscibile delle canzoni del coro e dell'orchestra internazionali, quindi il terzo ospite è stato una membra del coro MARIJA PRSKALO. Lei partecipa al coro da 10 anni e ha testimoniato quanto sia arricchente quell'esperienza per l'intero anno.

Alle 17.00 è stata presentata un'altra testimonianza della serie "Frutti di Medjugorje". Questa volta la testimone è stata SOFIA GAMIZ dalla Spagna che ha parlato della sua vita senza Dio, del suo amore egoistico che le ha fatto lasciare suo marito e due figli. Tuttavia, le persistenti preghiere e la persuasione di suo padre furono la ragione per cui venne a Medjugorje, e una confessione le fece incontrare l'amore di Dio, che la cambiò per sempre. Ha iniziato a pregare e poi lentamente è cambiata e si e' messa insieme al suo marito con cui si è riconciliata, hanno avuto altri due figli e ora la loro famiglia è saldamente radicata nella preghiera familiare e principalmente in una relazione con Dio.

La catechesi odierna per i giovani è stata guidata da fra Ljubo Kurtović, che ha inviato molti incoraggiamenti ai giovani per le esperienze che lui stesso ha vissuto vivendo i messaggi della Madonna. Ha detto che non è mai stato facile per la Madonna stessa, è stata sempre perseguitata in qualche modo, e ha continuato: “Quindi voi giovani dovreste essere pronti che se volete seguire Gesù, voi stessi vi aspettate di essere perseguitati.

E così è per Medjugorje. È sempre stato perseguitato da un lato e tanta grazia e conversione dall'altro. Anche Medjugorje deve provare questo! Perché la Madonna parla molte volte: nel silenzio del tuo cuore cerca Gesù, ascolta nel cuore lo Spirito Santo che ti guida e ti trasforma. Proprio come abbiamo bisogno di vivere momenti di comunione, così abbiamo bisogno di vivere momenti di silenzio in cui Dio sarà in grado di parlare al nostro cuore, e Dio parla quando sappiamo come tacere. Solo quando un uomo è silenzioso può sentire quanto rumore c'è in lui. Perché quando Dio parla, parla in silenzio, ma così potentemente da poter rigenerare e dalla morte dare alla luce una nuova vita. ”Ha invitato in particolare i giovani a capire che le cose più importanti accadono in silenzio ed è per questo che è importante che anche questi momenti a Medjugorje lo usano per il loro incontro personale con Dio.

Osmrtnice ba

Puoi pagare la donazione sul conto PayPal del portale di medjugorje-info.com

Zanima te i ovo?
Preminuo don Niko Luburić, bivši profesor glazbe na sarajevskom KBF-u
25. Settembre 2020.
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.